Nell'ambito dell'affidamento dei minori e del relativo diritto di visita nell'ipotesi di relazioni conflittuali tra figli e genitori, questi ultimi possono ricorrere alla videoconferenza, al fine di un graduale avvicinamento.

I Tribunali, nello specifico quello di Milan,o con un’ordinanza del 16 aprile 2013, ha affermato che il collegamento audiovisivo può essere utile a ricucire, gradualmente, il rapporto familiare spezzato dalla crisi coniugale. Skype può essere un’opportunità per padri e figli, in un'ottica di riconciliazione.

 

Nel caso di specie, due ragazze – dopo la separazione dei genitori – avevano una forte difficoltà a relazionarsi con la madre, quando presente fisicamente; neanche i servizi sociali erano riusciti a ricucire le rotture. Così il Tribunale si è affidato alle risorse tecnologiche ai fini della riconciliazione, disponendo che gli incontri tra madre e figlie avvenissero inizialmente via webcam.

Laddove il caso specifico suggerisca un graduale avvicinamento, allora ben venga anche il collegamento via web.

Contatta l'avvocato

Invia la richiesta via eMail

Richiesta parere
via eMail

Fissa un appuntamento telefonico

Appuntamento
al telefono

 

Fissa un appuntamento in studio

Appuntamento
in studio

Sedi

73100 Lecce, LE
Piazza Mazzini, 72
74015 Martina Franca, TA
Via S. Quasimodo, 12

drLogo

Contatti

mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Mobile +39.320.7044664