Con Agosto le vacanze sono d'obbligo e molti viaggiatori scelgono tra diverse tipologie di strutture: hotel, villaggi, b&b, etc. I siti internet offrono una vasta gamma di soluzioni e molto spesso anche vantaggiose, soprattutto se si opta per il "viaggio tutto compreso", ma attenzione al contratto d'albergo.


Iniziando dalla caparra, versata all'atto della prenotazione, salvo diversi accordi, non verrà rimborsata nell'ipotesi in cui il cliente, senza preavviso, non si presenti.
Altra questione sono le penali, applicate in caso di rinuncia, di importo in misura crescente in base al tempo di comunicazione della stessa alla struttura. Attenzione è fondamentale che la penale per il recesso anticipato sia esplicitata nelle condizioni generali di contratto, altrimenti l'albergatore non potrà esercitarla sulla scorta degli usi del settore.

Qualora la camera dovesse risultare priva dei servizi o dei comfort promessi, perché possa scattare la responsabilità sull’albergatore, il turista deve raccogliere le prove di quanto lamentato (fotografie, video) e presentare un formale reclamo allo stesso albergatore, con raccomandata a.r., entro 10 giorni lavorativi dal rientro alla propria residenza. Ma vi è di più, il turista potrà anche chiedere un risarcimento del danno morale da vacanza rovinata.

Nel caso in cui, sia l'hotel a non mantenere la disponibilità dell’alloggio prenotato, sarà onere dell’albergatore procurare al cliente una sistemazione alternativa, di livello pari o superiore a quella originariamente prenotata.

In caso contrario il turista ha diritto di ottenere la restituzione del doppio della caparra versata all'atto della prenotazione, salvo inoltre pretendere il risarcimento dell’ulteriore danno patito a causa del sopravvenuto annullamento della sua prenotazione.

L’albergatore è responsabile di furto, smarrimento o danneggiamento delle cose che il viaggiatore ha portato con sé in albergo o ha consegnato in custodia all’albergatore nonchè ogni deterioramento, distruzione o sottrazione delle cose portate dal cliente in albergo.
Rientrano in questo categoria:

  • tutte le cose di cui dispone il cliente durante il tempo dell’alloggio;
  • le cose di cui l’albergatore o un ausiliario assumono la custodia durante l’alloggio;

In tali casi il valore di quanto sia deteriorato, distrutto o sottratto, si calcola fino all’equivalente di cento volte il prezzo di locazione dell’alloggio per giornata.
Tale limite non si considera quando:

  • le cose gli sono state consegnate in custodia;
  • ha rifiutato di ricevere in custodia cose che aveva l’obbligo di accettare (tranne se si tratta di cose pericolose, eccessive ed ingombranti)

Le cause che escludono la responsabilità dell'albergatore sono dovute:

  • da terzi;
  • da forza maggiore;
  • dalla natura della cosa.

Contatta l'avvocato

Invia la richiesta via eMail

Richiesta parere
via eMail

Fissa un appuntamento telefonico

Appuntamento
al telefono

 

Fissa un appuntamento in studio

Appuntamento
in studio

Sedi

73100 Lecce, LE
Piazza Mazzini, 72
74015 Martina Franca, TA
Via S. Quasimodo, 12

drLogo

Contatti

mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Mobile +39.320.7044664