Può essere considerato un delitto di diffamazione insultare qualcuno sulla propria pagina Facebook punibile con condanne pesanti: fino a tre anni di reclusione e multe da 516 euro in su.
Lo ha stabilito il Tribunale di Livorno con sentenza n. 38912/12, le cui motivazioni sono state depositate nei giorni scorsi. 
Il giudice ha richiamato l'articolo 595, terzo comma del codice penale, in cui il reato di diffamazione è punito più severamente nel caso in cui l'offesa sia recata con il mezzo della stampa ovvero attraverso "qualsiasi altro mezzo di pubblicità". 
Facebook ha una "diffusione incontrollata". Esprimersi sui social network implica una "comunicazione con più persone dello spazio virtuale in cui si diffonde la manifestazione del pensiero del partecipante che entra in relazione con un numero potenzialmente indeterminato di partecipanti e quindi la conoscenza da parte di più persone e la possibile sua incontrollata diffusione". 
Il reato, inoltre, risulta aggravato dall'aver arrecato l'offesa con un mezzo di pubblicità equiparato «sotto il profilo sanzionatorio alla diffamazione commessa con il mezzo della stampa». 


Avv. Rossella D'Onofrio

Contatta l'avvocato

Invia la richiesta via eMail

Richiesta parere
via eMail

Fissa un appuntamento telefonico

Appuntamento
al telefono

 

Fissa un appuntamento in studio

Appuntamento
in studio

Trova

Articoli correlati

    Sedi

    73100 Lecce, LE
    Piazza Mazzini, 72
    74015 Martina Franca, TA
    Via S. Quasimodo, 12

    drLogo

    Contatti

    mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Mobile +39.320.7044664