Le cartelle emesse da Equitalia sono impugnabili entro termini differenti a seconda sia del motivo per cui si intende impugnarle, sia della natura dell’importo che l’Agente della riscossione chiede in pagamento.

In sintesi il cittadino avrà:

1) Se la cartella si riferisce a sanzioni per violazioni del codice della strada

- trenta giorni per impugnarla (dinanzi al Giudice di Pace del luogo della violazione) se il motivo dell’impugnazione è la mancata notifica del verbale;

- venti giorni di tempo (dinanzi al Tribunale quale Giudice dell’esecuzione) se il motivo dell’impugnazione è qualche vizio formale della cartella stessa (ad es. mancanza di firma della cartella, mancanza delle indicazioni del responsabile del procedimento di iscrizione a ruolo o di compilazione della cartella ecc.);

- non avrà limiti di tempo per impugnarla (dinanzi al Giudice di Pace del luogo in cui la cartella è stata notificata) qualora il cittadino eccepisca la prescrizione dell’importo per decorso di oltre cinque anni dalla notificazione del verbale.

2) Se la cartella si riferisce a contributi previdenziali Inps o Inail

- quaranta giorni di tempo per impugnarla (dinanzi al Tribunale del Lavoro del luogo di residenza del contribuente) se il motivo di impugnazione si riferisce a vizi relativi al ruolo (es: l’iscrizione a ruolo dell’importo oltre i termini di decadenza previsti dalla legge);

- venti giorni di tempo per proporre opposizione (dinanzi al Tribunale del Lavoro del luogo di residenza del contribuente) se i motivi si riferiscono a vizi formali della cartella;

- non avrà limiti di tempo, invece, se verrà sollevata l’eccezione di prescrizione del credito previdenziale (sempre dinanzi al Tribunale, sezione lavoro).

3) se la cartella si riferisce a tasse o tributi statali o comunali

sempre e solo sessanta giorni di tempo per impugnarla qualunque sia il vizio che vorrà sollevare e dovrà farlo dinanzi alla Commissione tributaria provinciale del luogo in cui ha sede l’Ente creditore.

In conclusione è doveroso precisare che tutti i termini decorrono dalla data in cui la cartella viene recapitata al contribuente, oppure, in caso di assenza, dal giorno in cui lo stesso recupera il piego giacente presso l’ufficio postale.

Contatta l'avvocato

Invia la richiesta via eMail

Richiesta parere
via eMail

Fissa un appuntamento telefonico

Appuntamento
al telefono

 

Fissa un appuntamento in studio

Appuntamento
in studio

Sedi

73100 Lecce, LE
Piazza Mazzini, 72
74015 Martina Franca, TA
Via S. Quasimodo, 12

drLogo

Contatti

mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Mobile +39.320.7044664